nov 11

Una voce che qualcuno di noi conosce molto bene…
101110-a-tempo-di-sport.mp3

nov 4

1)esiste la velocità non la resistenza alla velocità 2)mai aspettarsi risultati diversi dalle medesime esperienze 3)piu corri piano piu vai forte 4)meno intensità piu qualità 5)per sviluppare elevate velocità di percorrenza occorre prima correre forte poi correre bene per consumare di meno 6)le cose accessorie all’allenamento che spesso vengono tralasciate sono quelle che fanno la differenza 7)la fase rigenerativa è piu importante della fase costruttiva 8)l’allenamento non è settoriale per cui tutti gli aspetti vanno che compongono la prestazione vanno portati avanti contemporaneamente 9)osteopati, fisioterapisti, chiropratici e maghi vari vanno utilizzati al bisogno senza entrare in ossessivi circoli viziosi 10)l’eccessivo professionismo ossessiona la mente, l’allenamento e la competizione sono principalmente piacere, quindi per andare forte bisogna correre per il piacere di correre 11)la programmazione dell’allenamento è ad personam e non esistono programmi di gruppo ma al massimo linee guida del gruppo 12)la simulazione del gesto è la fase piu importante del training per riprodurlo al meglio in gara 13)la simulazione non è mai sufficiente 14)per simulare bene occorre stare bene 15)per stare bene, vedi sopra, occorre portare avanti tutti gli aspetti del training in contemporanea 16)il miglior allenatore sei tu stesso, solo tu conosci realmente le sensazioni del gesto e solo uno che lo ha gia fatto, forse, te lo sa spiegare 17)ogni gara ha una sua storia 18)abbiamo una parte superiore ad una inferiore da allenare non solo una inferiore 19)l’aspetto euforico e motivazionale è di fondamentale importanza, mai deprimesi, enjoy always yourself 20)mai continuare con dolori o fatica